Azienda Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella

Azienda Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella L'Azienda Agricola Scagliotti Edoardo e' un'azienda che segue il ciclo completo di produzione del riso, sin dalle prime fasi.
(7)

L'Azienda Agricola Scagliotti Edoardo e' un'azienda che segue un ciclo di produzione completo sin dalle prime fasi, dalla selezione del proprio riso per ricavarne il futuro riso da seme per garantire il 100% della qualità. Le fasi della coltivazione iniziano con la preparazione dei terreni (in Febbraio), per preparare un ottimo letto di semina. La semina, una fase molto importante effettuata sia in acqua che con una nuova tecnica in asciutto (in Aprile). Durante la Vegetazione della pianta una tecnica ancora oggi usata e' la "monda" utilizzata per eliminare le erbe infestanti grazie al lavoro attento e scrupoloso delle "mondine". A Settembre il riso e' giunto a maturazione e attraverso la trebbiatura viene raccolto e portato in azienda ed immesso negli essicatoi per l'abbattimento dell'umidità. Dopo averlo fatto riposare il risone e' pronto per ricevere una lavorazione di qualità.

BNI Capitolo Cassiopea
09/01/2019

BNI Capitolo Cassiopea

Dopo la pausa natalizia, anche il Capitolo Cassiopea riprende le attività. I report sullo scambio di referenze, sugli incontri one-to-one e sugli affari scambiati ci dicono che in realtà neppure durante le feste è diminuita la voglia di conoscersi e creare salde relazioni professionali tra i membri del giovane gruppo BNI.
La riunione poi ha vissuto momenti di forte emozione nell'ascolto attento della presentazione dell'Azienda Agricola di Scagliotti Edoardo, oggi presente insieme a Bruna Valdano. Non solo madre amorevole del giovane e brillante imprenditore, ma autentica "roccia" dell'azienda per intraprendenza, determinazione e voglia di raggiungere sempre nuovi e prestigiosi traguardi. Un'azienda di lunga tradizione ed esperienza eppure sempre giovane e dinamica, attenta alla qualità, capace di combinare tradizioni e innovazione, desiderosa di distinguersi come eccellenza sul mercato. Orgogliosi di averla in capitolo. #bni #giversgain #economiacollaborativa

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Augura                Tanti Auguri di un Sereno Natale.                EDOARDO BRUNA PAO...
24/12/2018

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Augura Tanti Auguri di un Sereno Natale. EDOARDO BRUNA PAOLO.

23/12/2018

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo I nostri prodotti a Parma. Tempo Zero Borgo Bosinio Basini 6/A

20/12/2018

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo le nostre creazioni Natalizie.

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo prossimo appuntamento.
19/12/2018

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo prossimo appuntamento.

Più di 70.000 appassionati del “gusto” attendono la 9° edizione di FORMAGGIO IN VILLA 2019

QUANDO?
Dal 25 al 28 aprile ’19
• MOSTRA MERCATO dalle ore 10.00 alle 20.00
• FORMAGGIO IN VILLA Night! dalle ore 10.00 alle 23.00

DOVE?
Villa Farsetti a Santa Maria di Sala VE

COS’E’?
• Rassegna nazionale dei migliori formaggi
• Salone Alta Salumeria
• Prodotti per l’alta cucina e nuove tendenze gastronomiche
• Laboratori guidati e masterclass
• Selezioni per le Nomination Premio Italian Cheese Awards 2019, degustazione 100 formaggi
• Formaggio in Villa Night! dalle 19:00 in poi musica LIVE e DJ SET

La grande mostra mercato del “gusto” dove operatori e un vasto pubblico di appassionati del potranno conoscere ed acquistare i migliori formaggi, salumi e prodotti gastronomici per l’alta cucina.
In contemporanea nel Teatro della Villa andrà in scena il Salone dell'Alta Salumeria con le migliori specialità norcine italiane.

Main Partner eventConsorzio Tutela Formaggio Asiago DOP
INFO [email protected]
www.formaggioinvilla.it

Le nostre proposte per un pensiero di Natale da gustare con i nostri Prodotti di Alta Qualità.                         ...
02/12/2018

Le nostre proposte per un pensiero di Natale da gustare con i nostri Prodotti di Alta Qualità. Show Room Palazzo Ovis via Viotti 28 Fontanetto Po.

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo su Starbene
02/12/2018

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo su Starbene

Nieva Zanco Guida Gastronomica.
22/11/2018

Nieva Zanco Guida Gastronomica.

"Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi:
navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione,
e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo,
come lacrime nella pioggia.
È tempo di morire.»

E’ uno dei monologhi più famosi nella storia del cinema moderno, usato quasi sempre a sproposito come quella figura retorica, l’iperbole, che riferisce di fatti grotteschi o inverosimili.
Ma questa volta, nel mio caso, è diverso e non c’è nulla di grottesco o incredibile, solo il vero.

Sono ancora una volta a #Parma, dove per la terza volta consecutiva si è svolta la presentazione della nuova Guida Michelin Italia, quella che annunzia il 2019. La sessantaquattresima.
Sono le 13,00, la liturgia si è compiuta, e mentre gli addetti ai lavori si sono precipitati a condividere con le stelle nuove e con quelle più famose il meritato light lunch io mi sono auto-relegata in un bar, ormai tristemente vuoto, dell’ Auditorium Paganinii, architettura bellissima realizzata da Renzo Piano Building Workshop, a sfogliare famelicamente la nuova mappa gastronomica segnata della galassia rossa. La quinta o la sesta dell’era #SergioLovrinovich, la prima dell’era #GwendalPoullenec.
E, confesso che, da quando racconto questo mondo, è la prima volta che sono presa da sentimenti contrastanti. Perché questa non è stata una semplice celebrazione, ma una dichiarazione di intenti, la prefigurazione inequivocabile di un nuovo mondo e la conclusione di uno ormai ritenuto vecchio, superato, passato.

Dovrei parlarvi di Mauro Uliassii, il decimo tristellato italiano, dovrei parlarvi della apparente clamorosa battuta di arresto delle città di #Milano e #Roma, della vanificata ambizione meridionalista ad avere un tristellato a sud di Castel di Sangro, forse della pioggia di nuove stelle che da sud a nord faranno brillare l’Italia nel panorama mondiale, o forse della competizione tra Enrico Bartolini, Antonino Cannavacciuolo e Heinz Beck che, ormai calati nel ruolo di nuovi re Mida della ristorazione italiana, trasformano in stelle brillanti come l’oro ogni ristorante su cui posano le loro attenzioni. O ancora delle graduatorie regionali e dei podi provinciali, o dei travolgenti successi di #Alba, delle Langhe e del Trentino-Alto Adige e della #Toscana.

Ma non lo farò, io non mi ritengo una critica e perciò preferisco raccontarvi sia delle gioie, di come un’entropica galassia di trenta giovanissimi, giovani e spiritualmente giovani chef si è affacciata sul panorama nazionale, ma anche di come nella struttura della Guida Rossa, quella fatta dai cosiddetti piatti (che ne rappresentano l’ossatura, i tre quarti del suo peso ponderale) aldilà delle stelle, ci sia stata la cancellazione di una serie di ristoranti che per decenni, da sud a nord, hanno rappresentato la cucina italiana, le sue tradizioni e le sue aspirazioni.

Perciò, come l’umanoide Roy di Blade Runner, mi passano davanti agli occhi pranzi e cene in luoghi memorabili che, nel new deal intrapreso, sono scomparsi perché risultati obsoleti per cucina, servizio, ricerca, arredamento, capacità di fare network con la modernità … e in me c’è il rammarico per il fatto che con loro svaniranno quelle memorie, quelle esperienze, quelle passioni, elegie che hanno guidato una storia che è ormai superata per sempre …. Per questo, senza fare nomi, vi invito a guardare le pagine di questa Guia Michelin e di quella precedente, con attenzione, e di fare una comparazione alla Plutarco per comprendere quanto e come il panorama sia cambiato.

Ma, poi, le voci che venivano dal metaforico salone delle feste mi hanno richiamato al presente anzi al futuro. Un futuro della nostra cucina che non rinnega le tradizioni ma le rielabora, le alleggerisce, le reinterpreta filtrandole, ciascuno con la sue proprie esperienze, in una modernità fatta di chef sempre più giovani, di impiattamenti sempre più precisi, di sapori sempre più profondi e complessi, di servizi di sala di livello sempre più alto, ma soprattutto di ristoranti sempre più piccoli, intimisti, raffinati, curati, dove non ci sono più dettagli lasciati al caso e dove chi entra dialoga con la storia, il paesaggio, la cultura.

Celebrare tutti è impossibile per cui mi limito a soffermarmi su alcuni di coloro, quelli ai quali ho dedicato i miei racconti su La Consiglieria. Guida gastronomica non convenzionale, su #CaffeGourmet17 o su Facebook.

Per cui, tra le stelle, un grande in bocca al lupo ad Angelo Carannante e al suo Caracol che insieme a Simone Breda e al suo Ristorante Sedicesimo Secolo Di Simone e Lia sono appena entrati in guida; i miei più sentiti complimenti a Gianni Vanacore che è riuscito a traghettare forse il più bel ristorante italiano, Rossellini's Ristorante - Ravello, Italy di Palazzo Avino, in un nuovo corso culinario mantenendo la stella e proiettandolo forse verso orizzonti sempre più brillanti, e a Ivan Bombieri che dovrà tenere la barra a dritta di quel meraviglioso scrigno di sapori del Friuli-Venezia Giulia che è la Ristorante La Taverna di Piero Zanini e Nicola Storti; un “Festina lente”, invocazione antica, per Floriano Pellegrino e ad Isabella Potì che hanno fatto del loro Bros' l’ambasciata gastronomica del barocco leccese; e un arrivederci a Vitantonio Lombardo Ristorante che invece per davvero sarà l’ambasciatore gastronomico italiano a Matera, Matera 2019 capitale europea della cultura 2019.
Tra i nuovi piatti, poi, un grandissimo in bocca al lupo Oliver Glowig page e alla sua Barrique di Poggio le Volpi Wine & Food; a Daniel Calosci che in un anno ha dato alla città di #Siena un ristorante il Particolare di Siena che può puntare in alto come altri tanti anni fa; e ad Augusto Valzellii che tornando a casa ha dato a BresciaToday quel La Porta Antica nel nome ma moderna nel fatto che tanto macava,

Consentitemi, infine, di elogiare Emanuele Donalisio personalmente che, pure in un anno per lui difficilissimo dal punto di vista umano, è riuscito a mantenere il suo Emanuele Donalisio & Il Giardino Del Gusto su standard di qualità elevatissimi non per Ventimiglia ma per la Liguria.

Potrei finire qui ma c’è una cosa che è passata sotto silenzio tra le righe della presentazione: l’anno prossimo la Guida Michelin 2020 si presenterà a #Piacenza. Ma soprattutto nel 2020 a Parma ci sarà un evento europeo dai contorni al momento sottaciuti.
Vuoi vedere che la casa francese tra elaborando il lancio di una quarta stella? Una UEFA Champions League che mette a confronto i migliori chef d’Europa e quindi del mondo Guia Michelin?

Sarebbe davvero un Ritorno al futuro.

Panissa con Carnaroli Produzione AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Cascina Musella. Gradita prenotazione  numeri in volant...
20/11/2018

Panissa con Carnaroli Produzione AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Cascina Musella. Gradita prenotazione numeri in volantino. Vi aspettiamo.

17/11/2018
24/10/2018

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Cascina Musella coltiva nel Parco Fluviale del Po Palude di San Genuario. Site Code IT 1120029

ARU  Selezioni di Gusto
15/10/2018

ARU Selezioni di Gusto

13/10/2018

Eccoci Milano Golosa stand A31

Naturalmente Free
12/10/2018
Naturalmente Free

Naturalmente Free

Avete mai provato la farina di riso venere???
E' naturalmente senza glutine e molto digeribile. Rispetto alla tradizionale farina di riso bianco dona ai nostri dolci antiossidanti, minerali quali ferro, calcio e manganese, una quota maggiore di proteine e fibre e allo stesso tempo arricchisce di un gusto sorprendentemente rustico l'impasto di crostate e biscotti :) :) :)

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Riso da seme Aurelio.
12/09/2018

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Riso da seme Aurelio.

Grazie Nieva e grazie Chef per averci regalato questa grande emozione.
06/09/2018

Grazie Nieva e grazie Chef per averci regalato questa grande emozione.

Cari amici di Apeiron Edizioni che dal caffè letterario Libreria Raffaello sorvegliate tutte le mie mosse, oggi vi spedisco la mia seconda missiva virtuale.
Penso che non ci sia altro posto in Francia dove si mischino così intimamente realtà e finzione, voglia di guardare e di esser visti, moda e apparire. Da quando, nel 1956, “Dio creò la donna”, Saint-Tropez è diventata il crogiuolo delle vanità e dei desideri. Profani più che sacri, e anche io ne avevo uno: cucinare insieme ad uno chef. Si, ma non in un luogo qualsiasi, ma qui nel Golfo di Saint Tropez. E non in un posto qualsiasi ma nel ristorante di una boutique alla moda. Esistono? Si, qui c’è ne sono due, in singolare tenzone, uno accanto all’altro: Dior Des Lices, St Tropez supervisionato da uno degli chef più famosi al mondo (il 3*** Guia Michelin YANNICK ALLENO OFFICIEL) e il Cavalli Caffe St. Tropez, alle cui redini c’è il food manager Rocco Colucci, pluridecorato chef di passate stagioni gastronomiche tra il Forte dei Marmi e il Lago di Como. E io lo chef Rocco lo conosco bene, perché già mi ha regalato una ricetta per #CaffèGourmet17 Kimbo.
Così, quando gli ho lanciato la proposta di consentirmi una serata a quattro mani con lui, ha gentilmente acconsentito, a due condizioni: che fosse un risotto e che fosse di mercoledì.
Sul secondo motivo la spiegazione è semplice, a settembre, in questo giorno, contingenta gli ingressi …così da facilitarmi il lavoro, sul primo, ed ecco la lezione francese, Oltralpe il "primo piatto" italiano è solo il risotto.
Così, grazie alla collaborazione della Azienda Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella, che mi ha "fornito" di un carnaroli eccellente, per intenditori e di nicchia … ecco organizzata la serata.
Il mio risotto “alla moda di Saint Tropez” unisce ai sapori vercellesi, uno dei migliori formaggi francesi: il Camambert (componente lipidica), melograni (componente acida e zuccherina), timo e fiori di Provenza, e sentori di limone di Gassin (per rinfrescare la bocca). Burro di Normandia per la mantecatura, pepe di Cajenna a insaporire.
Ragazzi…con un bel rosso di Cavalli Tenuta degli Dei….è stata una figata! Ospiti soddisfatti e cena glamour.
Intanto Roberto Cavalli era in rada in porto....continua alla prossima puntata!

Grande Nieva aspetto una foto in veste sous chef che cucini il nostro Carnaroli.
05/09/2018

Grande Nieva aspetto una foto in veste sous chef che cucini il nostro Carnaroli.

Per chi non lo sapesse il Golfo di Saint Tropez è una penisola affacciata sul mediterraneo che unisce ai piaceri mondani del jet set internazionale quelli più intimisti e profumati della viticoltura. Continui saliscendi di colline che trabordano di vigne fin sull’acqua rappresentano il tessuto connettivo di un territorio in cui sorprendono le infinite sfumature di vede e di azzurro. Al centro, come vedetta che guarda da Saint-Maxime, Provence-Alpes-Cote D'Azur, France alle Isole d'Oro, è Gassin, uno dei più bei borghi di Francia (Office de tourisme de Gassin). Ed è da qui, dalla terrazza affacciata sul mare del ristorante Hotel Restaurant Bello Visto Gassin Golfe de St Tropez, che vi faccio partecipe della prima lezione che ho appreso.
In Francia i ristoranti #bibgourmand della Guia Michelin sono come delle stelle, dotate di una propria trattazione, solo alla portata di tutti.
Ho provato in questi giorni le due modalità del menù bib ed ho immediatamente misurato la distanza che intercorre tra questo paese ed il nostro.
La carta, innanzitutto, separa le carni dai pesci, non contemplando la pasta se non nella dizione risotto.
Le presentazioni sono esemplari e con prodotti eccezionali enon nelle parole ma nei fatti.
I dolci, poi, anche due fichi aromatizzati nel vino più pregiato diventano un’opera d’arte gastronomica.
I miei complimenti più sentiti a @Laurence Humbert e @Sylvain Humbert.
……
A proposito, stasera, in via eccezionalissima, mi trasformo da narratrice a sous chef, e accompagnerò Rocco Colucci il food manager del Cavalli Caffe St. Tropez, nella realizzazione di un risotto, come fuori carta della serata. Un Carnaroli della Azienda Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella con Camambert, zafferano e melograno. In sala Kristina Mentegazzi,
ai posteri l’ardua sentenza.

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Cascina Musella Vialone Nano Classico cresce.
22/08/2018

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Cascina Musella Vialone Nano Classico cresce.

17/08/2018

AZ. Agricola Scagliotti Edoardo Cascina Musella si monda riso crodo con nonna Mariuccia.

Le Libellule Azzurre nelle nostre Risaie.
16/08/2018

Le Libellule Azzurre nelle nostre Risaie.

La Consiglieria. Guida gastronomica non convenzionale
04/07/2018

La Consiglieria. Guida gastronomica non convenzionale

... le acque e le risaie di Fontanetto Po ... dove Edoardo Scagliotti coltiva il suo riso ...

Le Nostre Sfide i Nostri Traguardi.
27/06/2018

Le Nostre Sfide i Nostri Traguardi.

AZ.Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella nel vivo della finale Bocuse d'Or.
12/06/2018

AZ.Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella nel vivo della finale Bocuse d'Or.

👨‍🍳 La giuria è presieduta da Jérome Bocuse, Chef Carlo Cracco (Presidente d’onore) e dal cuoco ungherese #TamasSzéll (vincitore della selezione europea di Budapest nel 2016)

#AccademiaBocusedOr #BocusedOr

Riso Italiano di Alta Qualità Pad 3 Stand M23
11/06/2018
Gourmet - Expoforum Horeca Food & Beverage

Riso Italiano di Alta Qualità Pad 3 Stand M23

-10 a #GourmetExpoforum, l 'evento più innovativo del settore Ho.re.ca. e Food & Beverage, per i professionisti di oggi e di domani, a Lingotto Fiere - Torino dal 10 al 12 Giugno.
Consulta la lista degli espositori!

#GEF2018 #Torino

Il Deposito
05/06/2018

Il Deposito

Al Deposito Bistrot finalmente si festeggia un giorno senza pioggia!!
Risotto alle foglie e fiori di malva!!

Ristorante il Deposito e il nostro Riso Carnaroli.
23/05/2018

Ristorante il Deposito e il nostro Riso Carnaroli.

Il verde di un tramonto dopo una pioggia vivace è meraviglioso!!
Risotto ai Piselli, Caprino fresco e Timo!!

AZ.Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella a Gourmet Expoforun Torino Lingotto.
06/05/2018
Italia a Tavola

AZ.Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella a Gourmet Expoforun Torino Lingotto.

È una preziosa occasione formativa e di specializzazione professionale gratuita per gli operatori del food e della ristorazione quella proposta dalle tre giornate di Gourmet - Expoforum Horeca Food & Beverage 2018

Indirizzo

Via San Genuario
Fontanetto Po
13040

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando Azienda Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta L'azienda

Invia un messaggio a Azienda Agricola Scagliotti Edoardo - Cascina Musella:

Video

Negozi Di Alimentari nelle vicinanze


Altro Fontanetto Po negozi di alimentari

Vedi Tutte